Articoli d'attualità

"Quello che è stato è quel che sarà; quello che è stato fatto è quel che si farà; non c'è nulla di nuovo sotto il sole" (Ecclesiaste 1:9).

Testamento naturale o bio?

"Come può un giovane rendere la sua via pura? Custodendola con la tua parola" (Salmi 119:9).

La parabola dei talent(-show)

"DIO è per noi un rifugio ed una forza, un aiuto sempre pronto nelle avversità" (Salmi 46:1).

Il Consolatore ci consola

"Ecco io pongo in Sion una pietra angolare, eletta, preziosa, e chi crede in essa non sarà affatto svergognato" (1 Pietro 2:6).

La preghiera rivolta ai defunti

Giovani

Quante volte, giovani, avete sentito queste parole, o quante volte noi adulti le abbiamo dette? Tante, forse troppe. Nasce un confronto in famiglia, soprattutto quando si è riuniti a tavola, e si discute; succede che i figli non accettino i consigli o le riprensioni ed ecco che scatta nel genitore la famosa frase: “Sono stato giovane come te”. Sembra difficile per i nostri figli immaginarci in età adolescente, pensano che siamo nati adulti, e se ci credono, si difendono rispondendo che erano anni diversi; ma è veramente così?


Sicuramente le epoche e le abitudini sono cambiate, in peggio direi io, ma la Bibbia in Ecclesiaste 1:9 afferma: “Quello che è stato è quel che sarà; quello che è stato fatto è quel che si farà; non c’è nulla di nuovo sotto il sole”. Nulla di nuovo, quindi l’affermazione che vi rivolgiamo ha del veritiero: siamo stati giovani e pieni di entusiasmo come tutti, ma poi il tempo è passato e...
Davanti a queste parole non si può evitare di pensare che la gioventù sia un vile inganno se non la si vive in maniera “sana”, senza inutili colpi di testa, senza credere che non ci accadrà nulla di male.
I genitori amano i propri figli, per questo danno e fanno il meglio per loro, augurandosi che crescano ben educati, volenterosi e pieni di successo nello studio, ma un genitore cristiano, che ama e teme il Signore, pensa soprattutto al loro benessere spirituale, non solo quello materiale. Doveroso, da parte, nostra è mettervi in guardia da ciò che può nuocere alla vostra vita. Le astuzie del male sono tante e voi siete così giovani e sicuri di avere il futuro nelle vostre mani, da non pensare ad esse, quindi vi chiediamo di non farvi sedurre da quello che vi circonda, di non provare esperienze strane che non giovano a nulla, ma di lasciarvi attrarre solo da Gesù.

In Proverbi 13:1 troviamo questo consiglio: “Un figlio saggio ascolta l’ammaestramento di suo padre, ma lo schernitore non dà ascolto al rimprovero”. Ecco cosa vi chiede il Signore: di essere saggi, una dote che sicuramente costa sacrificio, ma produce una virtù che vi farà agire nel bene, senza procurarvi guai. Chi non dà ascolto al rimprovero, invece, si prende gioco di colui che vuole avvertirlo per il suo bene.
Ancora un altro bellissimo pensiero ha per voi la Parola: “Ma ricordati del tuo Creatore nei giorni della tua giovinezza, prima che vengano i giorni cattivi e giungano gli anni dei quali dirai: «Non ho in essi alcun piacere»” (Ecclesiaste 12:1). Quanta verità, giovani! Questo dice il Signore e questo vi ripetiamo anche noi. Vivere per e con Gesù, accettare il suo sacrificio e mettere, fin da giovani, Lui al primo posto nella propria vita, offre una quotidianità ricca, gioiosa e serena nel Signore; senza farci conquistare da vizi e mondanità che lasciano ferite e delusioni, che arrivano soprattutto da coloro che pensavamo fossero veri amici.
Accettate i consigli di Gesù leggendo la sua Parola, ascoltate per il vostro bene quello che vi dicono i vostri genitori, non aspettate di diventare vecchi e stanchi, ma date il vostro vigore al Signore che non vi deluderà, perché un giorno potrete dire: “Sono stato giovane anch’io, ma con l’aiuto del Signore ho passato anni indimenticabili!”.

Voglio lasciarvi un ultimo passo che dice: “Ammaestra il fanciullo sulla via da seguire, ed egli non se ne allontanerà neppure quando sarà vecchio” (Proverbi 22:6).
Cosa commentate, giovani, che i consigli di Gesù sono scaduti, vecchi, che non è per tutti così, che dipende...?
No, miei cari, il Signore non sbaglia quando afferma che dobbiamo istruirvi nel suo timore perché ciò fa solo del bene alle anime vostre e alla vostra vita, e questo è vero in ogni tempo.
Forza giovani, Dio benedica la vostra vita!

Articoli in evidenza

Il passato l’abbiamo già vissuto, il presente lo stiamo vivendo, e il futuro? Possiamo immaginarlo oppure aspettarlo. La Bibbia ci chiama a...

Come ti immagini nel futuro

Quando il male si confonde col bene e viene presentato in maniera affascinante, non è difficile rimanere sedotti. Per questo la Bibbia ci avverte...

Il fascino del male

I bambini ci mostrano con i loro disegni come Gesù vince questa brutta realtà.

Il bullismo