Articoli d'attualità

"Quello che è stato è quel che sarà; quello che è stato fatto è quel che si farà; non c'è nulla di nuovo sotto il sole" (Ecclesiaste 1:9).

Testamento naturale o bio?

"Come può un giovane rendere la sua via pura? Custodendola con la tua parola" (Salmi 119:9).

La parabola dei talent(-show)

"DIO è per noi un rifugio ed una forza, un aiuto sempre pronto nelle avversità" (Salmi 46:1).

Il Consolatore ci consola

"Ecco io pongo in Sion una pietra angolare, eletta, preziosa, e chi crede in essa non sarà affatto svergognato" (1 Pietro 2:6).

La preghiera rivolta ai defunti

Prediche

Studio biblico del pastore Polino Angelo
14 febbraio 2011

"Tutte le cose dunque che voi volete che gli uomini vi facciano, fatele anche voi a loro, perché questa è la legge ed i profeti" (Matteo 7:12).
Questo principio riassume gli insegnamenti fondamentali della Legge e dei Profeti, ossia l'Antico Testamento, ma non è possibile comportarsi di conseguenza se non si è nati di nuovo (Giovanni 3:2).
Solo un credente nato di nuovo può applicare questa regola, dimostrando così che il cambiamento spirituale è reale e autentico (Giacomo 1:22)...

La diffusione della Parola di Dio, la sua predicazione, la sua lettura e la sua divulgazione tramite stampa, sono state sempre fortemente ostacolate da varie leggi civili e religiose, in modo più o meno esplicito.
La Parola di Dio è il libro più amato, ma anche il più odiato; è il libro più conosciuto nel mondo ma anche il più alterato, con aggiunte e traduzioni che non corrispondono ai testi originali. Infine è il libro più variamente interpretato, malgrado stia scritto che "[...] nessuna scrittura è soggetta a particolare interpretazione" (1 Pietro 1:20).

Il "Sacro servizio" o "ministero", che molto spesso troviamo scritto nella Parola di Dio, fu inizialmente tradotto da Diodati e da Luzzi con "ministerio", mentre nella Nuova Diodati compare il termine "servizio".
Indipendentemente dalle scelte dei traduttori, dobbiamo dare il giusto valore a questo termine e non interpretarlo a nostro piacimento.

Oggi migliaia di persone asseriscono di avere la capacità di profetizzare e dicono: "Così dice il Signore: ho una Parola di conoscenza per te ecc [...]" (linguaggio simile preso dall'Antico testamento) e imitano i veri profeti della Parola. 

"Ma ecco un profeta si avvicinò ad Achab, re d'Israele, e disse: Così dice l'Eterno: Vedi tutta questa grande moltitudine? Ecco, oggi stesso io la darò nelle tue mani e tu saprai che io sono l'Eterno" (1 Re 20:13). 

I veri profeti erano i portavoce di Dio, e ciò che pronunziavano non erano le proprie parole, ma le parole di Dio: "Nessuna profezia infatti è mai proceduta da volontà d'uomo, ma i santi uomini di Dio hanno parlato, perché spinti dallo Spirito Santo" (2 Pietro 1:21). 

 

Nella difficoltà, nella prova, nella malattia, nella sterilità, nella tua gioia, nella tua impulsività e nella tua emotività cosa hai promesso a Dio in cambio del Suo aiuto?
Giacobbe nella sua afflizione, nei suoi timori e nella sua paura, disse: "Come è tremendo questo luogo!" (Genesi 28:17). Poi fece un voto dicendo: "Se DIO sarà con me e (se) mi proteggerà durante questo viaggio che faccio, se mi darà pane da mangiare e (se mi darà) vesti da coprirmi, e (se) ritornerò alla casa di mio padre in pace, allora l'Eterno sarà il mio DIO; e questa pietra che ho eretta come stele, sarà la casa di DIO; e di tutto quello che tu mi darai io ti darò la decima" (Genesi 28:20).
Non troviamo però in nessun passaggio della Parola che Giacobbe abbia pagato la decima, è rimasta solo una promessa e Dio non si compiacque di questo, perché Lui gli diede molto di più.

Per poter capire l'importanza e il valore del donare, dobbiamo capire il Dono del Padre: "Poiché Dio ha tanto amato il mondo (noi tutti), che ha dato il suo unigenito Figlio (la cosa più cara), affinché chiunque crede in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16).

Si deve incoraggiare od opporsi alla celebrazione di Halloween? La società nella quale viviamo ne incoraggia il festeggiamento, mentre la religione cattolica e quella evangelica cercano di sostituirla con altre ricorrenze.
La Parola di Dio dice NO a questa festa. E tu cosa dici?

La Parola di Dio condanna severamente la necromanzia, cioè la pratica occulta che consiste nell'intercedere presso le anime dei defunti. Ogni tentativo di contattare o comunicare con  i morti, sia che si tratti della madonna, dei santi e dei beati, o dei nostri cari trapassati, equivale a ricercare la comunione con i demoni.

Sembra quasi assurdo leggere che una Chiesa tanto lodata per la sua fatica nell'opera di Dio, la sua costanza, la sua disciplina e la sua morale, venga rimproverata.
Perché deplorare una Chiesa sana che sopporta con costanza le prove?

Fratelli, il male non si vede quando l'anima è ammalata; gli organi funzionano, ma il cuore non batte più come una volta.

Continua la serie di ammaestramenti sulla chiesa di Laodicea, che troviamo descritta in Apocalisse 3.
Stavolta verranno presi in considerazione gli ultimi versetti della lettera che Gesù Cristo ha fatto scrivere da Giovanni per questa comunità, affinché anche noi impariamo a non comportarci come facevano quei credenti ma ad ascoltare l'esortazione di Gesù.

Articoli in evidenza

Il passato l’abbiamo già vissuto, il presente lo stiamo vivendo, e il futuro? Possiamo immaginarlo oppure aspettarlo. La Bibbia ci chiama a...

Come ti immagini nel futuro

Quando il male si confonde col bene e viene presentato in maniera affascinante, non è difficile rimanere sedotti. Per questo la Bibbia ci avverte...

Il fascino del male

I bambini ci mostrano con i loro disegni come Gesù vince questa brutta realtà.

Il bullismo